Dovevamo essere quanti una squadra
di calcio
non riusciamo nemmeno a fare una scopa
nonostante il morto

Annunci

SOLSTIZÎ IV

Bocca amara
mal di testa ossa rotte e troppa tosse
Cipolle grappa notte in bianco sigarette
c’è sempre un ventuno
anche se fuggi lontano
e ti arriva addosso e arriva anche prima se gli corri incontro
scappando a est

SOLSTIZÎ III

A te era toccato l’ultimo giorno dell’anno
data tosta, pesante, importante
alto grado di indimenticabilità
la più solenne
non poteva bastare?

così hai voluto impossessarti del solstizio
anche
(che peraltro già era impegnato – tanto perché si sappia, l’altro pure è impegnato, e il ferragosto)

Tutta questa smania di occupare posti
sempre i migliori
la prima fila
segnarli con il solito cartello

RISERVATO

per poi lasciarli
tutti
immancabilmente
vuoti