Così clandestino da non provarci nemmeno
a salire dalla stiva
per un po’ di sole, per l’acqua
per l’anno nuovo, la festa, l’approdo
così clandestino da negarmi lo sbarco
nemmeno agitare il cappello alla partenza
né all’arrivo