Così clandestino da non provarci nemmeno
a salire dalla stiva
per un po’ di sole, per l’acqua
per l’anno nuovo, la festa, l’approdo
così clandestino da negarmi lo sbarco
nemmeno agitare il cappello alla partenza
né all’arrivo

Annunci

Ci sono segnali che portano a te
sono frecce
ché scagliate dall’Arco meglio si infliggano nel rivolto
di un re minore